Un grande pithos del Bronzo antico da contrada Donna Bianca di Randazzo

Scarica l’articolo in PDF

RIASSUNTO – Si dà notizia di un grande pithos con beccuccio trovato negli anni Settanta sull’Etna, in territorio di Randazzo e ora esposto al museo “Vagliasindi” di Randazzo. Il recipiente, decorato a fasce a rilievo con motivi ogivali, appartiene al piccolo gruppo dei pithoi del Bronzo Antico con decorazione a rilievo, che si affiancano a quelli decorati semplicemente con cordoni e reticolo, il cui inizio si ha probabilmente alla fine dell’Età del Rame e che ha uno dei centri di origine nell’area etnea. L’esistenza di questo recipiente, quasi certamente destinato a contenere acqua, a circa 900 metri di altitudine, testimonia una occupazione probabilmente stabile fino a questa quota, dove, per l’assenza di acque superficiali, era necessaria l’esistenza di grandi contenitori. La presenza di decorazione in questo e altri esemplari può indicarne l’importanza comunitaria e forse cerimoniale.

SUMMARY – This paper is about a large storage jar (pithos) with a spouth on the bottom. It was found on the Mont Etna, near Randazzo (CT) same years ago, at an altitude of about 900 meters, and now it is exposed in the “Museo Vagliasindi”, in Randazzo. It is associated at the little class of Early Bronze Age relief pithoi, with decorative patterns, in association with other samples rope bands or squared net bands, whose origin is in the Final Copper Age, typical of this region. Presence of decoration on this and other items, may mean a communitary use. Also, this kind of pots, usually contained water, are a testimony of the human presence at such altitude.

Parole chiave: Sicilia, Etna, Antica Età del Bronzo, Pithos.

Key words: Sicily, Mt. Etna, Early Bronze Age, Pithos.