Le fortificazioni di Agrigento: lo studio di Porta VI e Porta VII per una nuova proposta interpretativa

Scarica l’articolo in PDF

RIASSUNTO – La monarchia esercitata da Agatocle in Sicilia tra la fine del IV e l’inizio del III secolo a.C. inserì la Sicilia nell’orizzonte mediterraneo dei regni ellenistici. La riflessione storica e l’osservazione di alcune testimonianze archeologiche rilevano quanto la stagione del basileus sia stata foriera di un modo nuovo di considerare le città come espressione di potere e ideologia. Partendo da riflessioni sulla poliorcetica e sul contesto storico, il contributo presenta gli esiti di una ricerca condotta sulle fortificazioni di Agrigento proponendo una nuova interpretazione e una ricostruzione teorica dei sistemi di Porta VI e Porta VII, analizzate nell’ambito di una rilettura complessiva dei due impianti alla luce di un confronto puntuale con le sistemazioni riferibili ad Agatocle del sistema difensivo di Segesta. Il confronto con questo centro e con le opere dovute al monarca presso il Castello Eurialo di Siracusa, e alla Porta nord di Selinunte, le analogie riscontrabili nella disposizione e nel funzionamento di altri sistemi difensivi presenti in Sicilia, Magna Grecia ed Epiro, consentono di proporre una rilettura degli impianti agrigentini che inserisce il sistema difensivo della città nella koinè architettonica che sempre più gli studi riscontrano nell’ambito di un ellenismo di marca occidentale.

SUMMARY – Between the end of the IV and the beginning of III century BC, Agathokles ruled Sicily as monarch and connected the island with the other Hellenistic reigns. Historical considerations and archeological evidences take notice that the basileiameans a new way of considering cities as expressions of power and ideology. Starting from observation about polyorcetics in the historical context, this paper presents the result of a research carried out on the fortifications of Akragas, proposing a new interpretation and a theoretical reconstruction of the systems of Porta VI and Porta VII, analyzed in the context of a complex re-reading of the two gates in the light of a punctual comparison with the arrangements referable to Agathokles of the Segesta defense system. The comparison goes on with the works due to the monarch at the Eurialo Fortress at Syracuse, and at the North Gate of Selinous; moreover similarities are found in the arrangement of other defensive systems in Sicily, Magna Graecia and Epirus. These considerations allow to propose a reinterpretation of the akragantines gates that insert the city’s defensive system into the architectural koinè that recent studies are finding in the context of the Western Greek Hellenism.

Parole chiave: Sicilia, Agrigento, fortificazioni, ellenismo, Agatocle.

Keywords: Sicily, Akragas, fortifications, Hellenism, Agathokles.

Questa voce è stata pubblicata in Falco Davide e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.