Archivi categoria: Albanese Procelli Rosa Maria

Pratiche funerarie nel centro indigeno sulla Montagna di Ramacca

Scarica l’articolo in PDF RIASSUNTO – Il contributo discute i dati antropologici e archeologici relativi a una tomba a camera con inumazioni plurime (Est 1) e a due tombe a cremazione secondaria (Noiosi 1 e 2), esplorate nel centro indigeno … Continua a leggere

Pubblicato in Albanese Procelli Rosa Maria, Duday Henri, Procelli Enrico, Verde Gisella | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

L’insediamento arcaico sulla Montagna di Ramacca: la casa RM

RIASSUNTO – Nell’insediamento indigeno sulla Montagna di Ramacca (Catania, Sicilia) durante gli scavi effettuati negli anni Ottanta è stata individuata la casa RM, i cui materiali sono databili tra la fine del VII e gli inizi del VI sec. a.C. Il confronto tra questa abitazione e altri edifici arcaici dello stesso centro permette di percepire i cambiamenti che si sono verificati nell’architettura domestica tra modelli tradizionali e nuovi apporti dovuti ai contatti con il mondo coloniale.

SUMMARY – In the indigenous settlement of the Montagna near Ramacca (Catania, Sicily), during the excavations in the 80s, an habitation (“casa RM”) was found, with materials dating from the end of the VII to the beginning of the VI century B.C. The comparison between this structure and other archaic buildings located in this centre allows to focalize the changes in the domestic architecture, between traditional models and new influences deriving from the colonial world. Continua a leggere

Pubblicato in Albanese Procelli Rosa Maria, Procelli Enrico | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Montagna di Marzo (Piazza Armerina). La tomba Est 31

RIASSUNTO – Il contributo discute i dati archeologici e epigrafico-linguistici relativi alla tomba a camera ipogeica Est 31, che contiene i sarcofagi di due guerrieri, deposti tra la fine del secondo e gli inizi del terzo quarto del V sec. a.C. Quattordici dei vasi che fanno parte del cospicuo corredo recano delle iscrizioni graffite, con l’impiego del greco in alcune, di una lingua anellenica in altre. Vi si riconoscono due mani, che si caratterizzano per l’uso di varianti grafiche diverse, scelte per i valori socioculturali ad esse inerenti.

SUMMARY – This contribution discusses the archaeological and epigraphical-linguistic evidence from chamber tomb East 31, which contained the sarcophagi of two warriors, dating to the end of the second and the beginning of the third quarter of the 5th century BC. Fourteen of the vases that are part of the conspicuous grave goods from the tomb bear
graffito inscriptions, with the use of Greek in some, of a non-Greek language in others. Two hands are distinguished, which are characterized by the use of different graphic variants, chosen according to their inherent socio-cultural values. Continua a leggere

Pubblicato in Agostiniani Luciano, Albanese Procelli Rosa Maria | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento